Film

LE CONFESSIONI

Ci sono le confessioni intese come correnti ideologiche di appartenenza e quelle inerenti le dichiarazioni individuali di colpa , spesso attraverso il sacramento cristiano . Il nuovo film di Roberto Andò le incrocia entrambe , mettendo in scena un summit del fondo monetario internazionale in cui  i rappresentanti economici del G8 stanno per affrontare una manovra epocale , i più senza tentennamenti e i  restanti  con qualche soffocato scrupolo . Guidato dal morituro  Daniel Auteuil , uomo cinico ma consapevole che ha dedicato tutta la vita a generare denaro attraverso  il denaro , il convegno ospita altresì dei corpi estranei: un cantante rock , una scrittrice per l’infanzia , un monaco votato al silenzio perchè “se non si possono più fornire speranze , bisogna almeno proporre illusioni “. Detto diversamente , si sta per sferrare un colpo micidiale a paesi già in difficoltà , ma con la partecipazione anche di non tecnici , al fine  di mascherarne i contenuti letali mediante nomi diversamente famosi o accreditati .

Ambientato in un rarefatto albergo tedesco bianco e grège che fa da sfondo all’attuale realtà finanziaria , la storia contrappone i segreti settari  di un liberismo feroce (  ormai ridotto a fede meramente monetaristica )  a  quelli dei singoli che , ognuno a proprio modo , dichiarano le loro certezze o incertezze  esistenziali , catalizzate dal silente religioso interpretato da Tony Servillo . E per aggiungere interesse a  sentimenti privatissimi e fatti ufficiosi che poi nemmeno diventeranno ufficiali , il regista – sceneggiatore inventa un fittizio andamento thriller a flash back , curandone più i dettagli che non la sostanza . Le parole dette o negate si incalzano vicendevolmente , esplicite eppure imperscrutabili come il ricorrente canto degli uccelli , mentre la trama , troppo ricalcata sul presente per accadimenti e personaggi , si avvale di frasi e citazioni apodittiche che tuttavia non riescono a trasmettere la voluta profondità . A differenza del precedente Evviva la libertà ,  scapigliato ed imperfetto , eppure più sinceramente ispirato e trasposto , Le confessioni insegue ambizioni maggiori rimanendo elegantemente algido , nonostante la pregnante attualità e lo sforzo nobile di renderla divulgabile in forma di intrattenimento anche di genere .Troppe le suggestioni già note , da Todo modo a Youth , e carenti le sublimazioni e i cortocircuiti che sanno di orologeria anzichè di estro . Ne risulta  un’opera di un’intelligenza diligente e di un mestiere solido che parla dell’oggi con alcuni vezzi intellettualistici di anni ormai lontani ( messaggio sociopolitico  e atmosfera metafisica inclusi  )  senza raggiungere un’adeguata fusione fra i diversi piani che la caratterizzano .

Si esce dalla sala nè annoiati nè emozionati , con una sensazione di incompiutezza tipica delle promesse alte non mantenute . C’è lo sforzo , ma latita la tensione ,  c’è il progetto a tavolino , ma a discapito della realizzazione sul campo . Nel senso che l’assunto dello strapotere finanziario e la necessità  di adeguate quanto improbabili contromisure sia tecniche che morali sono sotto gli occhi di tutti ,  ma per sfondare cinematograficamente dovrebbero avvalersi di formule meno collaudate , con più di una caduta nella banalità ( il benedettino apparentato al san Francesco del lupo , la ministra canadese da una botta e via , il cantante il cui unico spessore è delegato alle chiome , la scrittrice pedissequamente ricalcata sulla Rowling … ) . Per un film così , un giudizio di complessiva dignità  non suona come un elogio  , perchè avrebbe dovuto sconvolgere , far riflettere , seminare il dubbio , illuminare angolazioni recondite . Invece tutto finisce con l’amalgamarsi nel buio di notti inquiete e di giorni  intonati alla tonaca del protagonista , mancando forse il sulfureo o  il grottesco come cifre  in grado di animare un compromesso irrisolto tra sottili sapienze e ingenuità sofisticate , acque di  piscine da Vogue e  marine nordiche da Instagram .

5

LE CONFESSIONI di Roberto Andò , Italia Francia 2016 , durata 100 minuti

LA TABELLA andò

Previous post

SETTIMO BOUQUET

Next post

PRESIDENZIALI AUSTRIACHE

Marinella Doriguzzi Bozzo