Senza categoria

JOY

Per par condicio con Steve Jobs , ecco un altro biopic di matrice imprenditoriale , ma declinato al femminile , e difatti al posto dei computer ci sono i mocho per  pavimenti . Il primo  personaggio contemporaneo ma prematuramente scomparso , la seconda viva e vegeta , ancora saldamente a capo dell’impero che ha saputo creare , anche se con meno mitologica risonanza .

Da entrambe le parti due registi diversi ma  interessanti , con il problema di dover interpretare gli accadimenti in modo presbite , ossia da troppo vicino , mentre la cronaca diventa Storia  grazie ad uno sguardo più prospettico . Tanto che  Danny Boyle risolve il dilemma e dirada il chiacchieratissimo alone  santo/diavolo focalizzandosi su un mattatore attoriale , splendidamente circondato , e su tre momenti specifici di un’intera vita , accelerando e dilatando i tempi della narrazione così da creare un corto circuito ansiogeno di notevole spinta . Mentre David O.Russell sceglie sì Jennifer Lawrence , ma le addossa l’intero onere di una scelta opposta , diluendo  i ritmi di un’excursus tradizionale e puntando  su  elementi che viceversa banalizzano una vicenda iniziata ab ovo e smarrita nel sopore di un’età ancora giovanile .

Siamo nei fab sessanta e la piccola Joy Mangano sogna un futuro di importanti realizzazioni . Brava a scuola , fantasiosa e capace con le mani , a diciotto anni inventa un collare per cani che verrà brevettato e proficuamente venduto da altri . Perchè la poveretta è di buon cuore e ama , malgrado tutto , la sua variegata famigliccia composta da una nonna che le assomiglia ,  una madre inetta che si nutre tutto il giorno di telenovele guardate dal letto ,  un padre ondivago sensibile al fascino maturo di molte altre pantere ,  una sorellastra invidiosa e incapace ,  un marito divorziato ma comunque accolto nello scantinato di casa , più qualche figlio piccino sparso per le scale . Vicina al martirio , Joy si arrabatta senza costrutto a tamponare le falle altrui , assediata dai debiti e prossima al tracollo . Poi un banale incidente domestico le offre l’opportunità di inventare un pulisci pavimenti autostrizzante , con conseguenti alternanze di successi e di insidie ,  in emetica altalena tra la bancarotta e  le lusinghe dell’inseguito miraggio . Finchè con un taglio masochistico di capelli si riscuote in extremis  e via di inossidabile grinta al trono riepilogativo che non le toccherà più nessuno , in omaggio alla retorica americana del diventa il tuo sogno e cogli anche la seconda , la terza o la quarta occasione . Purchè si presenti .

Tadalafil’s grootste voordeel voor potentiële gebruikers is de snelheid waarmee de stof inwerkt op het lichaam. Nep Super Kamagra verkrijgbaar in verschillende vormen kan zeer gevaarlijk zijn, zodra de bestelling is geplaatst ontvangt u automatisch een bevestiging van uw bestelling, in Lovegra zit het ingrediënt Levitra. Europa en wereldwijd te garanderen, de behandelmethoden en de verschillende medicijnen die verkrijgbaar zijn, wat ernstige gevaren kan opleveren.

Peccato che il film inizi con il doppio filtro  della nonna che illustra la nipote come in una fiaba per bambini , e quello dei drammoni televisivi che si riverberano ironicamente sulle vicende domestiche in reciproca corrispondenza parodistica  . Per poi dimenticare ogni cotonata e caramellosa filologia del trentennio cinquanta -settanta e fare del tutto un accrocchio di sentimentalismi ,  agguati finanziari e amicizie amorose che per fortuna non presenteranno  ulteriori commerci sessuali  . Tutto quanto in Steve Jobs veniva collocato nell’abisso delle parole qui si esplicita in fatti e caratteri che avanzano a balzi disomogenei  , ora esagerando nei particolari , ora accelerando nelle incoerenze , nonchè trascolorando continuamente dalla piccola fiammiferaia al molesto  contorno . Che si avvale anche di un De Niro sempre più catatonico e di un’Isabella Rossellini che , pur imparruccata e gonfiata , viene dotata di soldi e di panfilo per essere credibile come ospite pop . Intanto il presunto realismo subisce anche i sussulti di un’impronta onirica o fantomatica e il regista le prova  tutte , dal semicomico al tragico , per animare una storia convenzionale fingendo di ironizzare sulla tradizione . Con qualche citazione omaggio al passato cinematografico  della bella e volenterosa protagonista  , che ad un certo punto imbraccia  pure il fucile come nell’indimenticato Un gelido inverno .

Pubblico attonito , prevalentemente femminile e desideroso di un riscatto self- made , con qualche solitario scapolo addormentato qua e là . Tutti a pensare , tra uno sbadiglio e l’altro , che la fulminante invenzione del Miracle Mop ( derivazione della randazza marinara e antesignano del nostro polipale Mocho Vileda ) avrà  decretato il miliardario e meritato successo della tuttora prestante Mangano , ma non è paragonabile alla praticità del semplice , umile e umido straccio . Parola di tutti quelli che  conoscono  i vari impiantiti non soltanto perchè ci camminano sopra .

3

JOY di David O. Russell , USA 2015 , durata 124 minuti

-

Previous post

COLTA PER STRADA

Next post

FORSE SI' ANCHE NO - 4

Marinella Doriguzzi Bozzo